Ago 28, 2015 - Senza categoria    No Comments

CHE SPERANZA ABBIAMO?

Sfogli il giornale, perché ti piace leggere, tenerti informato, mantenere alto il tuo livello di conoscenza, e non fai altro che imbatterti in notizie raggelanti, deprimenti, che ti tolgono qualsiasi speranza per un futuro migliore, che non sia solo sofferenza. Maree umane che fuggono dal loro presente fatto di guerre e torture; ogni giorno decine di morti che chiudono per sempre i loro occhi guardando verso un futuro migliore, che sia su un barcone o in un tir; governi (in primis quello italiano) che nulla fanno per arginare questo fiume umano che ci sta invadendo; la città più bella del mondo (Roma) abbandonata a se stessa e al degrado, un sindaco che non si interessa della sua città martoriata, preferendo continuare le sue vacanze, senza rispetto per i suoi concittadini; operai, braccianti, lavoratori in nero che, per pochi euro giornalieri, rischiano la vita ( e a volte ce la lasciano) in luoghi di lavoro che chiamare così è un eufemismo; la crisi che ancora attanaglia la nostra economia senza che, a tutt’oggi, sia stato ancora messo in atto un provvedimento che possa permettere la ripresa; gli italiani che vengono continuamente presi in giro dal teatrino della politica e dei politicanti che non fanno altro che scambiarsi le poltrone ( ma politica non significava “far gli interessi del popolo”?); omicidi del nuovo millennio le cui immagini vengono messi in rete dallo stesso killer inaugurando nuove frontiere della comunicazione; mogli che uccidono i mariti, mariti che uccidono le mogli;…e siamo solo solo alla tredicesima pagina, non si riesce a sfogliare oltre, troppo deprimente. Ma la cosa preoccupante che non si fa nulla per evitare tutto ciò, restiamo spettatori imbelli di questo spettacolo raccapricciante, di questa deriva sociale ed etica che ormai ci attanaglia, e mi domando: CHE FUTURO REGALIAMO AI NOSTRI GIOVANI?

CHE SPERANZA ABBIAMO?ultima modifica: 2015-08-28T18:53:07+02:00da maxfalco64
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento